Che si tratti di una piccola attività commerciale o di un grande progetto e-commerce, oggigiorno tutti (o quasi) hanno bisogno di ritagliarsi uno spazio sul Web. E, anche dal punto di vista informatico, la piattaforma e/o il linguaggio da utilizzare per lo sviluppo del progetto non è una scelta così scontata: PHP? HTML5? CMS Open Source o proprietario? Le variabili in gioco non sono di certo poche e, il più delle volte, il cliente finale non è minimamente interessato a conoscere ciò che si cela sotto il cofano del proprio sito Web: l’importante è che funzioni bene e che generi conversioni. Ma affinché un progetto Web possa funzionare bene è assolutamente necessario valutare e scegliere a puntino le variabili di cui sopra.

Affidarsi a un CMS (Content Management System) “aperto” non consente solo, in termini prettamente materialistici, di abbattere significativamente i costi di un qualsiasi progetto Web, ma, cosa ancor più importante, porta quasi sempre il grado di sicurezza a livelli ben più alti di una qualsiasi soluzione proprietaria di costo pari o superiore.

Com’è possibile tutto ciò? Pensiamo ad esempio a WordPress, il CMS Open che sta alla base di milioni di progetti Web (ad oggi, circa 2 siti Web su 3 sono basati su WordPress). Attorno a WP, ruotano migliaia di sviluppatori di ogni angolo di mondo che contribuiscono a migliorare di giorno in giorno il codice sorgente che sta alla base del CMS. Non a caso, ogniqualvolta viene scovata una nuova falla di sicurezza (in informatica, si sa, non esiste un sistema sicuro al 100%) passano giusto poche ore (per non dire minuti) prima che una soluzione venga studiata e resa disponibile per tutte le installazioni attive di WordPress.

E se qualcuno ha ancora qualche dubbio sugli effettivi vantaggi legati all’adozione di soluzioni Open Source, basti sviare per un attimo il discorso lato server: la quasi totalità dei siti Web più visitati (qualcuno ha detto Google o Facebook?) sono hostati su web server equipaggiati con Linux, di certo non Windows, men che meno Mac OS X. Pensiamo davvero sia solo un caso o una questione legata unicamente all’abbattimento dei costi vivi?

Resta ovvio che non è sempre possibile scegliere soluzioni Open Source e, in questi casi, non c’è alternativa allo sviluppo da zero: ma con l’aiuto di una collaudata Web Agency non c’è da temere.

//www.fullmidia.it/webagency/wp-content/uploads/2018/10/footer_logo-2.png