storytelling-aziendale

Fare storytelling non vuol dire semplicemente raccontare storie, ma creare una serie di attività comunicative che possono far emozionare e coinvolgere il pubblico. L’essenza sta nella capacità di mettere in scena il patrimonio culturale, professionale ed operativo dell’azienda utilizzando meccanismi comunicativi innovativi. Il tutto, Cercando di coltivare nuove idee e cercando di comunicare aspetti del brand “nascosti” ma che possano far leva sulle emozioni del cliente.

Raccontare una storia è un’arte e ha un potere enorme per chi si occupa di marketing (e non solo). La vita di ogni essere umano è caratterizzata da una storia e anche la vita di ogni azienda racconta una propria storia che, in parte, rispecchia le esigenze di uno specifico target di clienti. In questo modo, l’attaccamento al brand da parte del consumatore finale sarà molto forte con una conseguente fidelizzazione.

Ma fare storytelling non significa, come già detto, raccontare una storia e basta. È necessario considerare lo storytelling come un processo di coinvolgimento emozionale che possa far innamorare i follower del proprio brand, così da farli sentire parte di un sistema in cui saranno protagonisti, stimolando sensazioni e sentimenti che possano veicolare le loro decisioni di acquisto nella direzione desiderata. Tecnicamente lo storytelling fa leva sulle emozioni e sui valori al fine di creare azioni e comportamenti di acquisto. Invero, nel 99% dei casi gli acquisti vengono effettuati a seguito di un impulso, un sentimento o emozione su cui l’essere umano ragiona parzialmente.

Il comportamento dell’essere umano è argomento di grande interesse sia per gli economisti che per i ricercatori scientifici. Entrambi sostengono che l’uomo è un essere emotivo che si lascia guidare dalle proprie emozioni nelle scelte d’acquisto. L’attenzione dei consumatori si cattura tramite la creazione di immagini, video che raccontino un’emozione e non mediante argomentazioni razionali. Quanto più forte risulta l’emozione generata, tanto più profonda sarà la connessione neurologica nel cervello del consumatore, orientandolo all’acquisto di uno specifico brand. Lo storytelling è la strada da percorrere per creare storie di successo che possano emozionare il proprio pubblico.

Ma bisogna fare attenzione a come si fa storytelling, perché farlo nella maniera sbagliata potrebbe far emergere un aspetto egocentrico e superficiale che anziché convincere il cliente, lo si allontanerà con conseguenze negative sulla reputazione aziendale. È importante, quindi, definire i ruoli e le funzioni dello storytelling ma anche il target di riferimento, gli obiettivi, l’oggetto e i soggetti della storia, il canale da utilizzare per diffondere la storia. Si può raccontare una storia attraverso immagini accompagnate da un testo emozionale, da un video accompagnato da una canzone e da dialoghi che stimolino una forte emozione nel consumatore.

//www.fullmidia.it/webagency/wp-content/uploads/2018/10/footer_logo-2.png